AD ARCHITECTURAL DIGEST

2021-04-02 - Aggiornamento dell'azienda AD ARCHITECTURAL DIGEST

AD ARCHITECTURAL DIGEST: Il festival di Noor Riyadh è un’esperienza unica ed emozionante, che combina l’eccellenza delle opere d’arte di luce al contesto urbano. Dal 18 marzo al 3 aprile, infatti, verranno disseminate per tutta la città 33 di installazioni spettacolari che illumineranno il cielo notturno della capitale dell’Arabia Saudita. Fino al 12 giugno, poi, i frequentatori del festival potranno godere dell’esposizione “Light Upon Light: Light Art Since the 1960s”, la più grande retrospettiva di opere d’arte luce realizzate da 30 artisti, allestita presso il centro conferenze KAFD (King Abdullah Financial District) di Riad. Il festival comprende anche un programma di oltre 270 attività speciali di tour, conferenze, workshop, attività per famiglie, proiezioni di film e musica, molte delle quali sono disponibili online permettendo ad un pubblico più vasto al di fuori di Riad e dell’Arabia Saudita di apprezzare questa manifestazione. Abdullah AlOthman, Casino AlRiyadh, 2021.Noor Riyadh fa parte del più ampio programma di “Riyadh Art” che sta investendo in più di 1.000 opere di arte pubblica per trasformare la città in una galleria senza pareti. Inaugurato come uno dei quattro grandi progetti della città di Riad dal Custode delle due Sacre Moschee, il Re Salman bin Abdulaziz Al Saud, è stato avviato da Sua Altezza Reale il principe ereditario Mohammed bin Salman. Come dichiara Hosam Al-Qurashi, il consulente del marchio e del marketing della Commissione Reale della città di Riad, «Questo magnifico festival è una metafora della trasformazione di Riad e ravviva la nostra ambizione di diventare una delle città più competitive e vivibili del mondo entro il 2030». Saeed Gamhawi, My Mother’s Rug (Unique Edition), 2021. “UNDER ONE SKY” come simbolo di unità Il festival di Noor Riyadh è caratterizzato da 33 installazioni disseminate in tutta la città che comprendono tutte le forme d’arte di luce, fra cui sculture, proiezioni, spettacoli interattivi, opere cinetiche e immersive collocate in numerosi spazi urbani per entusiasmare ed intrattenere residenti e visitatori. Sono previsti 17 giorni di ricchi installazioni spettacolari all’insegna dell’inclusività. Il tema “Under One Sky” (sotto un unico cielo) è stato scelto dagli organizzatori per celebrare la realtà di Riad attraverso questa riunione di una comunità internazionale che stimola l’espressione creativa generando una cultura inclusiva. Per realizzare l’esposizione delle significative opere d’arte di luce sono stati selezionati oltre illustri artisti internazionali provenienti da località remote come Argentina, Cina, Francia, Germania, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Spagna, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti, tra cui anche 23 importanti artisti sauditi. Presenti nella lista degli artisti partecipanti anche nomi del calibro di Daniel Buren, Carsten Höller, Ilya ed Emilia Kabakov, Yayoi Kusama, Dan Flavin e Robert Wilson a fianco degli artisti sauditi Ahmed Mater, Lulwah Al Homoud, Ayman Zedani, Rashed AlShashai e Maha Malluh. Angelo Bonello, Run Beyond, 2015.PAROLA A Khaled Al-Hazani, direttore di Riyadh Art Khaled Al-Hazani, direttore di Riyadh Art, ha dichiarato: «Noor Riyadh è una celebrazione della luce e dell’arte su una scala senza pari. L’arte è un linguaggio universale e la luce è un simbolo di speranza e, in questi tempi difficili, mi auguro che questo festival sia come un faro per il mondo e che illumini il nostro cammino verso un futuro più radioso riflettendo il nostro tema “Under One Sky’’. Noor Riyadh è stato progettato come un festival immersivo ed interattivo della luce e dell’arte e, sia partecipando in presenza o collegandosi con noi online da tutto il mondo, si tratta di un’opportunità per connettersi con persone a livello globale condividendo esperienze basate sul calore della personalità, sulla generosità dello spirito e sulla creatività». Potrebbe interessarti ancheMiraggi in un’oasi: le installazioni fenomenali della Biennale d’Arte nel desertoBurning Man 2020: svelata l’installazione principale del festival   The post Burning Man 2020: svelata l’installazione principale del festival appeared first on AD Italia.