AD ARCHITECTURAL DIGEST

2021-03-31 - Aggiornamento dell'azienda AD ARCHITECTURAL DIGEST

AD ARCHITECTURAL DIGEST: Rianne MeijerRianne MeijerRianne MeijerRianne MeijerRianne MeijerRianne MeijerRianne MeijerRianne MeijerRianne MeijerRianne MeijerRianne MeijerRianne MeijerDa Milano a New York passando per Berlino. Cresciuto in un ambiente fervido, da madre mosaicista (www.gabriellabuzzi.com) e padre musicista, Nicolò Russian è un creativo a tutto tondo. Un passato nella moda e un futuro ancora da scrivere, oggi ha trovato il suo the place to be a Londra. «Tutti i posti in cui ho vissuto nella mia vita sono stati “luoghi non luoghi”, ambienti senza tempo. Spazi piccoli, che mi danno l’idea di vivere in una camera d’albergo, un posto “momentaneo” che rispecchia il mio spirito un po’ nomade e senza radici». Ci troviamo infatti in un appartamento a misura d’uomo in cui protagonista assoluto è il design. Grazie alla sua passione per l’interior e un senso estetico ben radicato, Nicolò ha dato vita ad un ambiente curato che non tradisce il suo gusto raffinato. «Ho una forte passione per gli oggetti vintage e la storia che conservano. La maggior parte dei pezzi in questa casa provengono dai mercatini in giro per il mondo. Come le due sedie razionaliste degli anni ’20 appartenute a un generale d’armi francese o i comodini industriali che erano parte dell’arredo di un ospedale Polacco degli anni ’50. Anche il posacenere “da bracciolo” in pelle di Jacques Adnet degli anni ’50/’60, proviene da un dealer a New York», racconta.  Tra le ispirazioni che hanno guidato il proprietario nelle scelte stilistiche, c’è sicuramente la sua forte amicizia con il rinomato designer newyorkese Robert Stilin. «Ho conosciuto Robert quasi per caso – racconta Nicolò – mi sono trovato a un dinner party a casa sua. Sono rimasto estasiato dalla bellezza degli arredi, all’inizio non sapevo neanche che fosse lui stesso il designer. Così, siamo diventati amici, ho avuto modo di fare diversi viaggi con lui, di vivere i suoi “interiors” e il suo lavoro. Per me è una fonte d’ispirazione molto importante». Insieme ai pezzi vintage, elemento peculiare, convivono opere d’arte contemporanee, dipinti eclettici e fotografie eccentriche. «L’arte per me è un elemento importantissimo. Credo che l’arredamento sia il modo in cui ti vesti, mentre attraverso l’arte comunichi chi sei, la tua sensibilità. Ho un gran numero di opere, molte delle quali purtroppo sono ancora a New York. Mi piace tenermi aggiornato su nuovi artisti emergenti, soprattutto prima che entrino nel mercato delle gallerie. Al momento il mio preferito in assoluto è il pittore Kacper Abolik di New York. Le sue opere hanno un forte impatto su chi le osserva». Oltre al contrasto tra vintage e contemporaneo, troviamo mescolanze eterogenee sia di tessuti che di materiali. Come il tappeto di juta ruvido e grezzo, insieme alla coperta di Loro Piana e cuscini in velluto; la pelliccia di volpe, che richiama al mondo naturale, in contrapposizioni con tocchi glamour degli anni 70, tra cui il tavolino e la lampada ispirata al designer Karl Springer. «Per me è tutta una questione di equilibrio. É una lezione che ho imparato quando ero uno stylist, non può essere tutto “troppo” altrimenti diventa una caricatura! Qui mi sono focalizzato sull’importanza assoluta del comfort». «Ormai sono molto affezionato a questa casa. Mi sono dedicato a questo progetto durante il secondo lockdown qui a Londra, è il regalo che mi sono fatto per il mio 30esimo compleanno. All’inizio è stato anche un po’ problematico arredarla, poiché ho dovuto comprare tutto su internet. Infatti ho, ahimè, effettuato vari ed eventuali resi! – ci confida Nicolò – L’elemento che amo di più? Ritornando al discorso dell’atemporalità, le candele e i fiori. Questi sono parte essenziale dell’ambiente. Così effimeri eppure così potenti, donano un’atmosfera fresca e rilassante. È come se mia mamma fosse passata a sistemare la stanza e avesse lasciato un mazzo di rose e un po’ del suo amore a dare nuova vita all’ambiente».   Potrebbe interessarti ancheRelaxed luxury: la nuova tendenza dell’abitareA casa con Athena Calderone e Zara HomeA casa di Rianne Meijer, content creator e influencer olandese The post A casa di Rianne Meijer, content creator e influencer olandese appeared first on AD Italia.